amaxofobia

dall’ultimo post ne sono successe di cose: è arrivata la primavera, è cambiata l’ora, ci sono state le elezioni (lacrime) e siamo già a pasqua. ah, auguri. ma soprattutto, ho comprato la macchina. io, che soffrivo di amaxofobia, ho comprato una macchina. non sbattetevi troppo a digitare “amaxofobia” su google, che ora ve lo spiego. trattasi della paura di guidare. più che paura, una vera e propria fobia. in pratica al solo pensiero di salire in auto, si viene presi da un’angoscia inspiegabile e se si prova a mettersi alla guida, soprattutto da soli, ci si irrigidisce tipo rigor mortis (e si suda, e ci si agita, e si va in panico, eccetera). non per niente, ho aspettato i ventiquattro anni per patentarmi e i trenta per automunirmi. nei sei anni che sono trascorsi tra la patente e oggi, ho guidato pochissimo, sempre con qualcuno di fianco. e poi cos’è successo? che ho trovato un lavoro per il quale la macchina si è rivelata indispensabile. dunque, l’ho comprata. è arrivata una settimana fa e ho iniziato da subito ad andare al lavoro da sola. e l’amaxofobia? niente, l’amaxofobia non esiste, si chiama pigrizia. comunque, per la cronaca, ho comprato una smart (cambio automatico, perché non sarò amaxofobica, ma impedita sì).

amaxofobiaultima modifica: 2010-04-04T20:30:00+02:00da labubette
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “amaxofobia

  1. diciamo che la smart è un po’ il simbolo, nel mio immaginario, di chi proprio non ce la fa. dì alla tua amica che con la smart ce la fa chiunque, anche a chi non riesce nemmeno l’autoscontro! scherzi a parte, chi non guida (per paura di farlo) ha veramente grossi disagi. se serve, dì alla tua amica di contattarmi, mi offro come caso umano, che se ce l’ho fatta io, può farcela davvero chiunque 🙂

Lascia un commento